Blog: http://FlussiAcquatici.ilcannocchiale.it

Mezcla





Il letterato portava sempre con sé un libro
grande e pesante ovunque andasse,
gli piaceva tenerlo tra le mani e
sfogliare le sue pagine gialle.

Le si sedeva accanto e cominciava a leggere.
Il tono calmo e suadente della sua voce
la faceva viaggiare lontano,
le rendeva facili parole incomprensibili.

Seduti al centro del mondo
ascoltavano parole e sensazioni
mentre i loro respiri
scandivano il ritmo della narrazione.

Il matematico aveva sempre l’abilità
di essere presente e concreto,
parlava di concetti difficili
con una facilità estrema.

Le spiegava l’importanza dei numeri
con parole così disarmanti
che tutto le sembrava
fluente e morbido.

Sdraiati sul divano
ridevano pensando
a sistemi bidimensionali
e rette incidenti.

Il viaggiatore aveva sempre con sé
uno zaino ed una corda
ad eterno monito
del suo girovagare.

La prendeva per mano
trascinandola in mille avventure.
Per lui niente era impossibile,
avevano solo nuove strade da percorrere.

Sotto la pioggia, il freddo e il sole
scoprivano insieme gli angoli del mondo,
e riuscivano sempre
a sorprendersi a vicenda.

Tutti loro
-al momento giusto-
fermavano il mondo
e si mescolavano
in un abbraccio
da mille sorrisi
e uno solo.




 

Pubblicato il 14/11/2007 alle 12.11 nella rubrica Esplorando.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web