.
Annunci online

FlussiAcquatici
Draghi, Tigri e Samurai
DIARI
29 ottobre 2012
E' un peccato...




...ed è strano sentirsi nei pensieri e sapere che ci sei.


Sei nel corpo a ritmo con un altro respiro, 

nella bocca, 

nella saliva, 

tra le labbra, 

assaporato in forme sconosciute.


Sotto un semaforo di notte, tra voci differenti che non somigliano alla tua.
 
Nei vestiti, 

nei bicchieri, 

nella pancia.


Sei nelle corde, nei silenzi, nelle domande, 

in un temporale che allaga tutta la città.


Ci sei al risveglio, quando ricordi cosa hai fatto la notte precedente, 

in posti che non hai mai visto, 

nella musica, 

in discorsi che non hai mai sentito.


E poi scivoli sul corpo, 

accarezzando odori sconosciuti e ti soffermi leggero, 

perchè sai che non è questo il tuo tempo.


Sai che ci sei.



Ma non ci sei ancora.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. peccato notte specchio presenza città temporale

permalink | inviato da Shimkara il 29/10/2012 alle 15:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
diari di viaggio
23 novembre 2011
Ombra rossa






Le sue orecchie erano
sottili e appuntite,
caratteristica del suo voler ascoltare.
I suoi denti piccoli,
dal sorriso bambino.

Carpiva da ogni cosa
un significato,
raccoglieva informazioni,
odori, movimenti, colori.
Enigmatico e silenzioso,
sorrideva...
ma solo a volte.

Come uomo d'altri tempi
rifuggiva tutto ciò
che fosse troppo
proiettato in dimensioni
frenetiche.
Sapeva restare ore 
davanti al fuoco
immobile...
guardandone guizzare
le fiamme.

E quando troppe
emozioni e pensieri
si affollavano
tra gli scacchi della sua camicia,
scappava lontano
rifugiandosi
tra i rumori del suo silenzio.

Di poche parole,
amava con gli occhi.

Sapeva far esplodere in 
un abbraccio
sinfonie di mondi
contrastanti.

E nel suo tempo
amava perdersi
e assaporare
lentamente
il gusto della vita.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ombra rossa

permalink | inviato da Shimkara il 23/11/2011 alle 18:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
vita familiare
17 marzo 2010
Il lupo e la pantera



Erano lontani,
e non sapevano 
che quello che li univa
era un legame profondo,
fatto di racconti tramandati 
di padre in figlio.

Erano 
- ognun per sè -
legati ai propri mondi
e inconsapevoli 
di quanto stava per accadere.

Per caso, un giorno,
si sfiorarono
iniziando a percorrere
 al rovescio
i loro ricordi.

Si trovarono,
simili e opposti,
legati da un magnetismo sinuoso
fatto di sangue, amore e vita.

E in quel legame,
ignorando le leggi dello spazio e del tempo,
decisero di esplorarsi,
di capirsi,
di viversi.

Si aprirono allora
timorosi e assetati,
alle fantasie del caso,
in attesa di trovarsi
e incontrarsi negli occhi.

E continuando a cercarsi,
a dispetto di ogni regola,
si immaginarono
in una nuova dimensione.













Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. famiglia sangue legami

permalink | inviato da Shimkara il 17/3/2010 alle 12:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sentimenti
6 febbraio 2008
Contatto

 


Condividevano emozioni a distanza,
si percepiva da lontano
sebbene fossero divisi.

Solo i loro odori parlavano
per ore e ore
raccontandosi ciò che il corpo
cercava di nascondere.

A volte
apparentemente incuranti
si sorridevano negli occhi...
in quei brevi attimi
si trovavano uniti
e non c'era bisogno di parole.

Nei gesti rivelavano un affetto
profondo e delicato,
soffice ed etereo,
saporito d'infanzia.

E poi c'erano le mani e le dita
e il calore della presenza
che restava attaccato addosso per giorni
rendendo saporita l'assenza.

Non era un legame voluto
si erano trovati
a dispetto di qualsiasi dimensione
logico-temporale
e stupiti di questo
si lasciavano trascinare
-ridendo-
dalla marea nella quale
danzavano abbracciati.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ...aha...

permalink | inviato da Shimkara il 6/2/2008 alle 19:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
DIARI
18 gennaio 2008
Red Flower





I suoi occhi erano intensi e profondi,
penetravano le barriere,
cedevoli e fluidi come l'acqua.

Aveva un modo strano di toccare le cose
come se le accarezzasse
per scoprirne l'essenza della materia,
eppure non compiva molti gesti,
si limitava ad assaporare con calma
quello che trovava nei suoi spazi.

Sorrideva poco purtroppo,
ma quando lo faceva
riusciva a regalare
buonumore e sintonia
a chi lo circondava.

Era permaloso
e non voleva ammetterlo
ed ogni volta che qualcuno glielo faceva notare
lui alzava gli occhi
piegando all'ingiù gli angoli della bocca
con un atteggiamento incurante...
all'apparenza.

A lei piaceva il tono della sua voce,
la sua dolcezza...
le piaceva volergli bene.

In quei rari momenti che condividevano
si intrecciavano a spirale
l'uno nell'altra...
...nel sottile piacere
di sentirsi vicini.




 

vita familiare
27 novembre 2007
Padri e figlie




Quell' abbraccio
li legava.

Era tiepido e comodo,
era un abbraccio
soffice,
un amore
taciuto e palese
allo stesso tempo.

In quel gesto
entrambi
sprofondavano sereni
perchè non c'era niente
di più vero e semplice,
niente
di così naturale.

Avevano gli stessi colori
e si amavano
profondamente.

In quell'abbraccio
mostravano al mondo
il loro legame...

...palesavano il principio
dell'eternità.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Corrado e Marta

permalink | inviato da Shimkara il 27/11/2007 alle 11:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa
DIARI
14 novembre 2007
Mezcla





Il letterato portava sempre con sé un libro
grande e pesante ovunque andasse,
gli piaceva tenerlo tra le mani e
sfogliare le sue pagine gialle.

Le si sedeva accanto e cominciava a leggere.
Il tono calmo e suadente della sua voce
la faceva viaggiare lontano,
le rendeva facili parole incomprensibili.

Seduti al centro del mondo
ascoltavano parole e sensazioni
mentre i loro respiri
scandivano il ritmo della narrazione.

Il matematico aveva sempre l’abilità
di essere presente e concreto,
parlava di concetti difficili
con una facilità estrema.

Le spiegava l’importanza dei numeri
con parole così disarmanti
che tutto le sembrava
fluente e morbido.

Sdraiati sul divano
ridevano pensando
a sistemi bidimensionali
e rette incidenti.

Il viaggiatore aveva sempre con sé
uno zaino ed una corda
ad eterno monito
del suo girovagare.

La prendeva per mano
trascinandola in mille avventure.
Per lui niente era impossibile,
avevano solo nuove strade da percorrere.

Sotto la pioggia, il freddo e il sole
scoprivano insieme gli angoli del mondo,
e riuscivano sempre
a sorprendersi a vicenda.

Tutti loro
-al momento giusto-
fermavano il mondo
e si mescolavano
in un abbraccio
da mille sorrisi
e uno solo.




 




permalink | inviato da Shimkara il 14/11/2007 alle 12:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
sentimenti
6 novembre 2007
Stanze di Bruxelles


Il viaggio fu bellissimo.

Lei era vestita di mille colori.
Aveva delle gambe lunghissime e silenziose.
Vedeva il mondo angolato da una prospettiva
liscia e sinuosa.

Lui restava immobile ad occhi aperti
quasi volesse risucchiare dentro di sé tutta la luce
dell’Universo.
Vedeva macchie di colore ovunque che si mescolavano in spirali colorate.

La casa rideva intorno a loro
li accoglieva in un abbraccio immenso,
li risucchiava lungo le sue scale interminabili,
regalando sfumature di azzurro e blu.

Loro,
insieme,
si sentivano parte
dell’immensità.

Si riscoprirono fratelli,
amici,
amanti,
spiriti affini.

Scoprirono mille sfumature differenti
nella condivisione delle parti,
visitarono luoghi lontani
e sconosciuti.

Si ritrovarono
nella natura
fonte
della vita.

Tra alberi di foglie gialle e verdi,
laghi di acqua limpida circondati di nero
e uccelli trasparenti negli occhi
legarono per sempre le loro anime.

Liberarono i loro corpi dalla materia
mescolando sensi e sentimenti
in un unico moto.

Si dissolsero nelle spire del tempo e dello spazio
per ritrovarsi in ogni molecola dei loro corpi,
felici di essere insieme
due metà di un unico sentire.




permalink | inviato da Shimkara il 6/11/2007 alle 17:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa
diari di viaggio
6 settembre 2007
36 giorni...


Ritorno al mio mondo piena di vita,
ho imparato ancora nuove cose di me.
Sono piena di energia, di calore, di sole…

Ho seguito il flusso interamente, mi sono lasciata scivolare,
ho viaggiato e fluttuato nel tempo
senza chiedermi cosa fare né dove andare e
piano piano l’Universo
mi si è mostrato in tutta la sua interezza.

La positività porta milioni di regali,
fa sorridere anche mentre dormi,
rilassa le membra.

Ho vissuto con gli elementi,
sabbia, acqua, argilla, terra, fuoco, vento, vuoto…
Ho sentito e regalato amore,
Shakti irresistibile,
condivisione.

36 giorni di sorrisi
e mani e occhi
e consapevolezza di sé.

E gli spiriti amici
Sempre presenti 
a protezione e monito,
e gli alberi, gli animali, le onde
senza dubbio vivi
ad abbracciare l’energia della vita…

Ritorno al mio mondo
completa
e in piena
Armonia
con gli elementi…




permalink | inviato da Shimkara il 6/9/2007 alle 11:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
VIAGGI
2 agosto 2007
E... state nel Sud



Fra qualche ora mi lascerò
completamente
andare nel flusso.

Fra qualche ora
scorrerò col tempo
-non si sa dove-
nel mio amato sud.

Grazie a tutti voi
di aver vissuto
le mie emozioni
e di essere stati
spettatori/attori.

Buone vacanze e a presto!!!




permalink | inviato da Shimkara il 2/8/2007 alle 22:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sentimenti
29 luglio 2007
Loro



Loro.

Uguali e diversi
con quasi sempre una
predominanza comune
che li unisce...
come seguendo un filo.

Loro.

Completamente differenti
in libertà e costrizioni,
nei modi di percorrere
il cammino, nell'intendere.

Loro.

Acquatici e terreni,
estremamente terreni
integralmente acquatici,
persi nella conoscenza
e inconsapevoli.

Loro.

Potenzialmente docili
pericolosamente presenti
così vari
nei modi e nelle forme...
unici nelle essenze.




permalink | inviato da Shimkara il 29/7/2007 alle 18:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
VIAGGI
19 luglio 2007
Catena...





 Quattro semplici domande da... Liberaimago

Vacanze al mare, in montagna o altro?

Cosa apprezzate di più delle vacanze?

Se ci andate, dove andate quest’anno e in che periodo?

Quale vacanza sognate?

ecco le mie risposte:

- Mare...sempre e comunque dentro di me

- Il contatto con la natura, il sentirsi parte dell'universo 

- Ad agosto in Sicilia credo con varie tappe magari in Calabria e Puglia, nelle calde e care terre assolate del mio amato sud

- Come sempre il mio Marocco pregno di terra, sole ed energia... 

Incateno:

Pennypress

VisionidiBlimunda

Illuminandomiparte

Locandasulfaro

Zebre





permalink | inviato da Shimkara il 19/7/2007 alle 12:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
arte
9 luglio 2007
ScaraBIO

Vi lascio questo splendido video
realizzato da due persone
altrettanto splendide...



...un viaggio
nel fantastico mondo
di uno scarabeo...

arte
7 luglio 2007
Omaggio a Kaf & Ciop


VERME FELICE

 


Direttamente dalle calde terre africane
ai piatti dei nostri amici Vermi
una selezione accurata
di cibo biologico ricco di
proteine, ferro e potenzialità sprecate.
Grazie alle sapienti mani
dei nostri agricoltori neocolonialisti,
ogni anno
milioni di bambini morti africani
non vengono più sprecati,
condannati dall'afa indomita
del continente nero,
ma inscatolati e diffusi in Uccidente
per la gioia dei nostri amati
Vermi da salotto.
Gustosi all'insalata
o bolliti con carote.

diari di viaggio
25 giugno 2007
Percorsi

 


Immaginate un percorso lungo un fiume di acqua minerale
acqua fredda, tonificante,
acqua potabile che ti rinfresca la mente e lo spirito.

Immaginate cascate e vasche naturali di idromassaggi,
una camminata in mezzo alla natura
a risalire il corso del fiume...

Immaginate centinaia di piante e alberi diversi,
frutta buonissima, succosa e saporita...

Immaginate ogni sera un tramonto diverso
un mare cristallino,
un sole fantastico...

Questa è la Giamaica...


sentimenti
21 giugno 2007
Porte




Porte.

Porte azzurre
porte aperte
porte distrutte

porte ridenti
porte chiuse
porte distratte

porte tristi
porte affamate
porte perfette

porte assolate
porte dubbiose
porte diritte

porte profonde
porte 
serrate
porte corrotte.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. porta azzurro affamato profondo poesia triste

permalink | inviato da Shimkara il 21/6/2007 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
diari di viaggio
21 giugno 2007
Marocco
 






Adoro il Marocco.
Fa parte di me, mi scorre nel sangue.
La terra, il cielo, l'acqua, i suoi colori ...
E' un istinto irrefrenabile, ogni volta che penso al viaggio
il mio primo pensiero è rivolto a quella meta.
Mi sento a casa, protetta da ciò che ho scoperto,
viandante solitaria...
Ogni cosa è un istinto primordiale che mi riporta alle origini,
sono parte degli scogli, delle onde, della sabbia...
...sono la terra arsa e assetata, sono l'asfalto bruciante e le piazze assolate...
...sono parte di quel mondo e il mio bisogno
di toccarlo
 sentirlo
 vederlo 
non ha limiti...

diari di viaggio
13 giugno 2007
Fes...


 

Ho mangiato amore
con odore di cus cus
ho visto povertà
e una donna che rideva

Le stelle su di noi
son sempre uguali
ma quello che ho dentro
è immenso

Ho visto l'onestà
nelle pareti
una terrazza di notte
che respira piano

L'umiltà 
nelle mani
la semplicità
negli occhi

Nella stazione del treno io
scrivo il mio amore
nella stazione di Fes
io lascio il mio cuore.

Per non dimenticare...




permalink | inviato da Shimkara il 13/6/2007 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE